Perché non si studiano donne autrici in letteratura italiana alle superiori?

Con Erica Isotta, Martina Ásero, Alessia Dulbecco, Marilisa D’Amico e Tiziana Elsa Prina. A cura di Women Plot

In questo primo incontro, cerchiamo di rispondere all'interrogativo "perché non si studiano autrici donne alle superiori?" estrapolando spunti di riflessione e occasione di formazione insieme alle nostre relatrici. Diciamoci la verità, quanti di voi all’argomento “letteratura italiana” pensano alle donne? 

Prendendo un’antologia: quanti degli scrittori presenti sono donne? Non abbastanza. Spesso alle poche scrittrici donne presenti è relegata solo una pagina, come quelle destinate agli autori minori. Durante le superiori questa grande assenza passa quasi inosservata e se capita che qualcuno la faccia notare, la risposta più comune è: “Le donne non avevano accesso all'istruzione”. Ma ne siamo sicuri?


La prenotazione all'evento è obbligatoria

L'accesso agli eventi sarà possibile solo con Certificazione Verde COVID 19 (denominata Green Pass) valida. Sarà necessario indossare correttamente la mascherina per tutta la durata degli eventi.

libri


Insegnare, Martina Ásero, Women Plot

Aggiungi al tuo Calendario:

21/11/2021 17:30:00 21/11/2021 18:30:00 Europe/Rome BOOKCITY: Perché non si studiano donne autrici in letteratura italiana alle superiori? Con Erica Isotta, Martina Ásero, Alessia Dulbecco, Marilisa D’Amico e Tiziana Elsa Prina. A cura di Women Plot - <p>In questo primo incontro, cerchiamo di rispondere all'interrogativo "perché non si studiano autrici donne alle superiori?" estrapolando spunti di riflessione e occasione di formazione insieme alle Castello Sforzesco, piazza Castello 1, Milano BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false DD/MM/YYYY