Riappropriarsi del reale: la lotta estetica come lotta politica

Con Gruppo Ippolita, Giuseppe Allegri e Rosella Corda

La “miseria del simbolico” non è più soltanto il triste vuoto che viveva il proletario privato della possibilità di individuarsi attraverso il lavoro [Marx] ma anche il vuoto d’esperienza del consumatore odierno, privo della possibilità di determinare i propri desideri, esposto a una canalizzazione della libido totalmente condizionata dagli “oggetti di consumo”. L’estetica è l’arma privilegiata della tecnologia industriale, e il cinema il suo campo di battaglia preferito. Ambedue concorrono ad avvelenare l’esperienza, individuale e sociale, attraverso il dominio assoluto del simbolico controllato dalle tecnologie iper-industriali. Tuttavia, è nel cuore di queste stesse armi che si trova l’antidoto per sfuggire alla miseria antropologica in cui siamo e ritrovare quel sentimento comune, la philia [Aristotele], che è condizione preliminare necessaria per la vita pubblica e senza la quale nessun dialogo è possibile.



La prenotazione all'evento è obbligatoria

L'accesso agli eventi sarà possibile solo con Certificazione Verde COVID 19 (denominata Green Pass) valida. Sarà necessario indossare correttamente la mascherina per tutta la durata degli eventi.

libri


La miseria simbolica 1. L’epoca iperindustriale, Bernard Stiegler, Meltemi Editore

Aggiungi al tuo Calendario:

20/11/2021 12:30:00 20/11/2021 13:30:00 Europe/Rome BOOKCITY: Riappropriarsi del reale: la lotta estetica come lotta politica Con Gruppo Ippolita, Giuseppe Allegri e Rosella Corda - <p style="text-align: justify;">La “miseria del simbolico” non è più soltanto il triste vuoto che viveva il proletario privato della possibilità di individuarsi attraverso il lavoro [Marx] ma anche il Circolo Filologico Milanese, via Clerici 10, Milano BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false DD/MM/YYYY